IO NON RISCHIO TORNA IN PIAZZA ANCHE A PIENZA

La Pubblica Assistenza Pienza aderisce anche quest’anno all’iniziativa della PROTEZIONE CIVILE con lo scopo di sensibilizzare i cittadini al tema dei rischi da catastrofi naturali. Quest’anno sarà organizzata una “piazza condivisa” con gli amici della Pubblica Assistenza di Torrita di Siena e tratteremo i rischi Terremoto, Maremoto ed Alluvione.

Sabato 12 ci troverete presso il parcheggio del supermercato COOP di Torrita (in caso di pioggia all’interno della galleria dello stesso supermercato) e domenica 13 a Pienza in Piazza Pio II e loggiato del Municipio.

L’INIZIATIVA NAZIONALE

La campagna “Io non rischio” torna nelle piazze di tutta Italia per promuovere le buone pratiche di protezione civile e sensibilizzare in maniera capillare i cittadini sui rischi del territorio e i comportamenti da mantenere in caso di eventi calamitosi.

Quest’anno la campagna promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione CivileAnpasIngvReLuis e Fondazione Cima si terrà il 12 e 13 ottobre in occasione dell’apertura della Settimana della Protezione civile: 7 giorni di eventi ed iniziative a livello nazionale e locale in cui i cittadini italiani potranno entrare a contatto con le donne e gli uomini del Servizio nazionale della protezione civile.

Ormai giunta alla sua nona edizione, “Io non rischio” vedrà la presenza di gazebo informativi in più di 850 piazze in tutta Italia con i volontari delle associazioni nazionali e locali di protezione civile che racconteranno nel dettaglio i rischi terremoto, alluvione, maremoto e – novità dell’edizione 2019 – anche il rischio vulcanico in occasione dell’esercitazione nazionale Exe Flegrei 2019.

“Io non rischio” non è solo lo slogan della campagna ma è un proposito, è la pacifica battaglia che ciascuno di noi è chiamato a condurre per la diffusione di una consapevolezza che può contribuire a farci stare più sicuri.

Please follow and like us:

BANDO PER IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE – SCADENZA 10 OTTOBRE 2019

Bando nazionale per la selezione di n. 39.646 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Universale in Italia e all’estero.

E’ stato pubblicato sul sito del Dipartimento il bando di Servizio Civile Universale che potete visionare al seguente link: https://www.serviziocivile.gov.it/menusx/bandi/selezione-volontari/bandoord2019.aspx

SCADENZA BANDO: 10/10/2019 ore 14:00

E’ possibile contattare la PUBBLICA ASSISTENZA DI PIENZA per informazioni sullo svolgimento del servizio presso la nostra sede:  ORARIO AL PUBBLICO SEDE DI VIA FONTANELLE 
dal Lunedi al Venerdi  09.00 – 12.00
Martedi e Venerdi 15.00 – 18.00
Telefono  0578 749131
mail: pa.pienza @virgilio.it

 Requisiti di ammissione:

 Per l’ammissione alla selezione è richiesto al giovane il possesso dei seguenti requisiti: 

  • Cittadinanza italiana, ovvero di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, ovvero di un paese extra Unione Europea purchè il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;
  • Aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età ( 28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
  • Non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena di reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

 I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

 Non possono presentare domanda i giovani che: 

  • Appartengano ai corpi militari e alle forze di polizia;
  • Abbiano già prestato o stiano prestando servizio civile nazionale o universale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista;
  • Abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, oppure abbiano avuto tali rapporti di durata superiore a tre mesi nei 12 mesi precedenti la data di pubblicazione del bando

 Possono presentare domanda di servizio civile i giovani che, fermo restando il possesso dei requisiti di cui al presente articolo: 

  • Abbiano interrotto il servizio civile nazionale o universale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente che ha causato la revoca del progetto, oppure a causa di chiusura del progetto o della sede di attuazione su richiesta motivata dell’ente, a condizione che, in tutti i casi, il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi;
  • Abbiano interrotto il servizio civile nazionale o universale a causa del superamento dei giorni di malattia previsti, a condizione che il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi;
  • Abbiano già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia giovani”, nell’ambito del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunties for All e nell’ambito dei progetti per i Corpi civili di pace.

Gli operatori volontari impegnati, nel periodo di vigenza del presenta bando, nei progetti per l’attuazione del Programma europeo Garanzia Giovani o nei progetti per i Corpi civili di pace possono presentare domanda ma, qualora fossero selezionati come idonei, potranno iniziare il servizio civile solo a condizione che si sia intanto naturalmente conclusa – secondo i tempi previsti e non a causa di interruzione da parte del giovane – l’esperienza di garanzia Giovani o dei Corpi civile di pace.

I candidati potranno presentare domanda solo ed esclusivamente attraverso la piattaforma Domande on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone al seguente indirizzo:

https://domandaonline.serviziocivile.it

 Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione domanda sulla piattaforma DOL occorre essere riconosciuto dal sistema, che può avvenire in due modalità: 

  • I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero e i cittadini di Paesi extra Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede.

  • I cittadini appartenenti ad un Paese dell’Unione Europea diverso dall’Italia o a Svizzera, Islanda, Norvegia e Liechtenstein, che ancora non possono disporre dello SPID, e i cittadini di Paesi extra Unione Europea in attesa di rilascio di permesso di soggiorno, possono accedere ai servizi della piattaforma DOL previa richiesta di apposite credenziali al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

COME RICHIEDERE LO SPID:

Se un candidato chiedesse  informazioni su come ottenere lo SPID, vi consigliamo di indirizzarlo all’Ufficio Postale, in quanto, seguendo ciò che  riporta il sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale al seguente link  https://www.spid.gov.it/richiedi-spid risulterebbe che la richiesta dello SPID,  sia  gratuita, se fatta direttamente allo sportello postali.

Please follow and like us:

RIDOTTI I FONDI PER IL SERVIZIO CIVILE

L’Anpas nazionale ci informa della pesante riduzione subita dal fondo per il SERVIZIO CIVILE (vedi lettera in basso). Di seguito pubblichiamo l’appello rivolto al Governo

Sono circa 14.000 i giovani che non avranno l’opportunità di partecipare a progetti di Servizio Civile.

Sono state smarrite circa 14.000 opportunità di poter offrire, ad altrettanti giovani, di vivere un’esperienza che contribuisca alla loro crescita umana, professionale e soprattutto come cittadini attivi, attenti al territorio ed alla società in cui vivono.

Sono ben oltre 14.000 le opportunità che la nostra società ha smarrito rinunciando al contributo che oggi, quei giovani potrebbero dare svolgendo servizi utili alla società tutta e soprattutto che potrebbero offrire, nel futuro, come persone consapevoli dei bisogni, educate alla pace ed alla solidarietà sociale.

ANPAS chiede con fermezza massima attenzione su un tema così delicato.
La riduzione di risorse per le politiche giovanili è certamente un disinvestimento sul futuro.
In un momento storico in cui la fragilità occupazionale e di sviluppo degli strumenti per l’autonomia dei giovani è così spiccata, il mancato sostegno può essere cruciale.

Occorre porre rimedio a questa grave perdita, provvedendo al rifinanziamento di almeno 70 milioni di euro, come previsto nel Disegno di Legge licenziato dal CDM del 31/07/2019, che consenta quantomeno il mantenimento del numeri di giovani impegnati nel Servizio Civile nell’anno 2018 e che ne permetta la costante crescita nel futuro.

Il testo della lettera ricevuta

Firenze, 29 agosto 2019 -Prot. 2324/2019-VII-4-1

Ai Consiglieri Nazionali ANPAS
Ai Presidenti Regionali
Ai Presidenti delle Pubbliche Assistenze
Gentile ASSOCIAZIONE PUBBLICA ASSISTENZA DI PIENZA Pienza

Oggetto: finanziamento progetti Servizio Civile Universale anno 2019

Buongiorno,
è notizia ormai nota che, con Decreto del Capo Dipartimento per le politiche giovanili e Servizio civile universale n.521/2019 del 26 Agosto 2019, sono stati individuati i progetti di SCU finanziabili attraverso le risorse del Fondo nazionale del servizio civile, definite dal Documento di programmazione finanziaria per il 2019.

Il mancato rifinanziamento del Fondo nazionale ha prodotto una riduzione dei posti disponibili che complessivamente passano da 53.363 nell’anno 2018 a 39.181 nel 2019, con ovvie ricadute.

ANPAS ritiene il disinvestimento sul tema un grave pregiudizio per il futuro dei giovani e per la società tutta.  

L’Ufficio di Presidenza ha quindi preparato l’allegato comunicato nel quale si richiama l’attenzione delle Istituzioni e della società civile sulla grave perdita e si richiede con fermezza un nuovo e celere finanziamento affinché vengano mantenuti i numeri di giovani impegnati nel SCU, nell’ottica di una costante e progressiva crescita per il futuro.

Chiediamo quindi il Vostro contributo nel diffondere, con la massima capillarità, il comunicato pubblicato sul sito http://www.anpas.org/notiziescn/3395-quest-anno-abbiamo-smarrito-qualcosa-di-importante.html, così da offrire la più ampia e condivisa cassa di risonanza sulla questione.

Ringraziamo e restando a disposizione per ogni necessità, salutiamo cordialmente.

Il Presidente nazionale
Fabrizio Ernesto Pregliasco

Il Vicepresidente nazionale Vicario
Carlo Castellucci

Il Vicepresidente nazionale 
Responsabile Nazionale SC
Niccolò Mancini

Please follow and like us: